It | De

Impianto idroelettrico Nuova Biaschina

Il fiore all'occhiello di AET

L’impianto della Nuova Biaschina si estende sul fianco destro della Leventina, tra Lavorgo e Personico. È l’ultimo anello della catena produttiva di AET e sfrutta il dislivello di 304 m delle gole della Biaschina.

Nuova Biaschina Personico

Realizzato tra il 1962 e il 1967, l’impianto della Nuova Biaschina è il più potente fra quelli attualmente gestiti da AET. Tra il 2016 e il 2019 le sue tre turbine sono state completamente rinnovate, consentendo un aumento del 9% della potenza complessiva.

Nuova Biaschina AET

I bacini

Il sistema di alimentazione

L’impianto della Nuova Biaschina sfrutta un bacino imbrifero di 410 km2 le cui acque sono raccolte nei bacini di Nivo e Val d’Ambra.

Nel bacino di Nivo confluiscono le acque rilasciate dallo scarico della centrale Piottino e quelle captate dalla presa di Lavorgo. Con una capienza di 60’000 m3, il bacino alimenta una galleria che termina 11.5 km più a valle, ai piedi della Val d’Ambra.

Bacino Nivo

Bacino di Nivo

Invaso utile60'000 m3
Quota massima606 m s.l.m
Quota minima602 m s.l.m

Il bacino Val d’Ambra ha una capienza massima di 400’000 m3, è stato realizzato parallelamente alla centrale ed è chiuso da una diga in terra impermeabilizzata con rivestimento bituminato.

Bacino Ambra

Bacino Val d'Ambra

Invaso utile400’000 m3
Quota massima603 m s.l.m.
Quota minima580 m s.l.m.

La ridotta capacità di questi due bacini, che si riempiono e si svuotano completamente nell’arco di 24 ore, impone una pianificazione della produzione dell’impianto su base giornaliera.

L'impianto

Tutta la forza della Leventina

Realizzato su progetto dell’ingegner Giovanni Lombardi l’impianto della Nuova Biaschina a Personico sfrutta il dislivello delle gole della Biaschina.

La galleria che collega il bacino di Nivo con quello della Val d’Ambra raccoglie lungo il suo percorso i deflussi dei torrenti Osadigo, Fouda, Cramosina, Nadro, Marcri e Val d’Ambra, nonché le acque rilasciate dalla centrale del Ticinetto di proprietà della Società Elettrica Sopracenerina.

Sul fondo del bacino della Val d’Ambra si trova l’opera di presa che immette l’acqua in un pozzo blindato scavato nella roccia. Il pozzo blindato ha un diametro di 3.60 m, misura 534 m di lunghezza e raggiunge la centrale dopo un salto di 304 m.

Nuova Biaschina AET

La centrale

La potenza del Ticino

Al suo interno si trovano tre gruppi di produzione da 49 MW di potenza l’uno, azionati da turbine di tipo Francis montate ad asse verticale.

L’edificio della centrale Nuova Biaschina, disegnato dall’architetto Augusto Jäggli, è caratterizzato da sei archi in cemento armato che sorreggono un’ampia volta.

Come per la centrale del Piottino vennero inizialmente installati soltanto due gruppi: il terzo si aggiunse nel 1974, ripagato con i proventi della produzione dei primi due.

La centrale della Nuova Biaschina produce ogni anno 390 GWh di energia elettrica, contro i 477 GWh di tutto il resto della catena della Leventina. L’elettricità generata è sufficiente a soddisfare il fabbisogno di 97’500 economie domestiche ed è rinnovabile al 100%, certificata naturemade basic.

Dopo essere stata turbinata dalla Nuova Biaschina, l’acqua viene restituita al corso naturale del fiume Ticino.

Nuova Biaschina AET

Scopri gli altri impianti

(select count(ts2_albero.id) from ts2_albero, tsl_albero where genitore= and id_albero=ts2_albero.id and id_lingua=1 and status='a' and alb_status='a')
[You have an error in your SQL syntax; check the manual that corresponds to your MySQL server version for the right syntax to use near 'and id_albero=ts2_albero.id and id_lingua=1 and status='a' and alb_status='a'' at line 1]
Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /DATI/WEB/S2_codsep/aet/cms/inc.mysql.php on line 658 Warning: mysql_free_result() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /DATI/WEB/S2_codsep/aet/cms/inc.mysql.php on line 659

Documenti utili